Perché percome.

È un po’ che non parlo della pupa. Due episodi recenti, al volo.   Episodio 1. Amici su Facebook parlavano del figlio nella fase dei “perché”. Lei non l’ha avuta, la fase dei perché. Ha avuto la fase dei “come”. “Come fa l’orecchio a sentire?” “Come fa l’occhio a vedere?” “Come fa la chitarra a…

Di corpi, di libertà, di responsabilità.

Io ci devo tornare su questa cosa, perché davvero abbiamo un bisogno immenso di fare la revisione, tipo la macchina, ai nostri pensieri, non quelli evidenti, le grandi idee, ma quei sottotesti quotidiani su cui poi costruiamo i pensieri consapevoli, e i comportamenti. Ne abbiamo bisogno noi come comunità, e in particolar modo noi come…

La parola che non c’è.

In italiano “accountability” non c’è. Manca. È una mia fissa, lo so, ma ci esco pazzo. “Si è rotto il bicchiere”. Sì, certo, come no: “the glass broke itself”, sicuro. La pupa aveva i suoi primi compiti delle vacanze, i primi proprio, i primi della prima elementare. Italiano, inglese, matematica,  scienze. Sono stato con lei…

Pappagalli con le orecchie da orso.

Quindi la sua compagna di banco è una seienne ultracattolica. Poi, no “banco”, ché la scuola è comunale ma montessoriana, quindi sono in isole da cinque bambini che lavorano in cooperazione. Ma insomma. L’altro giorno se ne esce con “Gesù non è esistito, vero?”. “Eh?!?”

Pupetta mia.

L’altro giorno. Mattina, ore 7:00. Vado a svegliare la pupetta. Anziché il solito daipapàancoradieciminuti mi fa: “Manca solo un giorno al mio compleanno! Evviva!! Papà, come si dice pareidolia in inglese?” Ecco, io devo vivere con questa qui. Poi ha fatto sei anni. Poi ieri, primo colloquio con gli insegnanti. Proprio il primo della sua…

Il numero sem

Cosi la pupetta ha iniziato la scuola. Nel descrivere la sua compagna di banco, mi ha detto che ha un fratellino di “sem anni” “Sem anni?!” “Certo! Non capisci?” “…” “Ti spiego: in realtà il fratellino di S è ancora nella pancia della mamma. Quindi per ora ha ancora meno di zero anni. Ma i…